Enciclopedia Filosofica: Simone de Beauvoir (SEP)

Fonte: Stanford Encyclopedia of Philosophy –  Debra Bergoffen (George Mason University) | 2004-2010

 

Ci sono alcuni pensatori che, fin dall’inizio, sono identificati senza ambiguità come filosofi (per esempio, Platone). Ci sono altri il cui posto filosofico è per sempre contestato (es. Nietzsche); e ci sono coloro che hanno gradualmente conquistato il diritto di essere ammessi nella falda filosofica. Simone de Beauvoir è uno di questi filosofi riconosciuti tardivamente. Identificandosi come un’autrice piuttosto che come una filosofa e facendosi chiamara la levatrice dell’etica esistenziale di Sartre, piuttosto che una pensatrice di suo proprio diritto, il posto di Beauvoir nella filosofia sta guadagnando ora trazione. La conferenza internazionale che celebra il centenario della nascita di Beauvoir organizzata da Julia Kristeva è uno dei segni più visibili della crescente influenza e status di Beauvoir. I suoi contributi duraturi ai campi dell’etica, della politica, dell’esistenzialismo, della fenomenologia e della teoria femminista e il suo significato come attivista e intellettuale pubblica sono ormai un fatto certo. I lettori inglesi de Il secondo sesso non hanno mai avuto difficoltà a capire il significato femminista della sua analisi del patriarcato. Potrebbero essere perdonati, però, per aver perso la sua importanza filosofica. Finché hanno dovuto fare affidamento ad una versione arbitrariamente abbreviata de Il secondo sesso che è stata tradotto discutibilmente da uno zoologo che era sordo ai significati filosofici e alle sfumature dei termini francesi di Beauvoir è stato difficile per loro di vedere i modi in cui la critica di Beauvoir dell’oppressione delle donne si fonda su categorie fenomenologiche-esistenziali. La nuova traduzione de Il secondo sesso del 2010 cambia tutto questo. È ora possibile per i lettori inglesi apprezzare meglio l’intera gamma della critica di Beauvoir della situazione della donna come l’Altro.

Continua a leggere

Annunci

Simone de Beauvoir | IEP – Shannon Mussett

Fonte: Internet Encyclopedia of PhilosophyShannon Mussett (Utah Valley University)

Simone de Beauvoir (1908 – 1986) è stata uno dei più autorevoli filosofi e scrittori esistenzialisti francesi. Lavorando a fianco di altri famosi esistenzialisti come Jean-Paul Sartre , Albert Camus e Maurice Merleau-Ponty , de Beauvoir ha prodotto un ricco corpus di scritti, tra cui opere di etica , femminismo, narrativa, autobiografia e politica .

Il metodo di Beauvoir incorporava varie dimensioni politiche ed etiche. In Per una morale dell’ambiguità, ha sviluppato un’etica esistenzialista che condannava lo “spirito di serietà”, in cui le persone si identificano troppo facilmente con alcune astrazioni a scapito della libertà e responsabilità individuale. Ne Il secondo sesso, ha prodotto un attacco articolato sul fatto che nel corso della storia le donne sono state relegate ad una sfera di “immanenza”, e sull’accettazione passiva dei ruoli assegnati loro dalla società.  Ne I mandarini, ha romanzato le lotte di esseri intrappolati in ambigue relazioni sociali e personali alla chiusura della seconda guerra mondiale.  L’enfasi sulla libertà, la responsabilità, e l’ambiguità permea tutte le sue opere e dà voce a temi centrali della filosofia esistenzialista.

Il suo approccio filosofico è notevolmente diversificato. Le sue influenze includono la filosofia francese da Cartesio a Bergson, la fenomenologia di Edmund Husserl e Martin Heidegger , il materialismo storico di Karl Marx e Friedrich Engels, e l’idealismo di Immanuel Kant e G. W. F. Hegel. Oltre alle sue attività filosofiche, de Beauvoir era anche un’esperta figura letteraria, e il suo romanzo, I mandarini, ricevette il prestigioso Premio Goncourt nel 1954. La sua opera filosofica più famosa e influente, Il secondo sesso (1949), ha segnato una rivoluzione femminista e rimane ad oggi un testo centrale nello studio dell’oppressione e liberazione della donna.

Continua a leggere

Le montagne dove donne vivono come uomini | M. Paterniti e J. Peters – GQ

Fonte: GQ – The Mountains Where Women Live as Men | Testo di Michael Paterniti e foto di Jill Peters (Marzo 2014)

Shkurtan, una volta leader comunista

È iniziato centinaia di anni fa, nel profondo delle Alpi albanesi: una tradizione insolita, in cui le donne, con opzioni limitate nella vita, prestavano giuramento come burrnesha. Un impegno a vivere come un uomo. A vestirsi come un uomo, a lavorare come un uomo, ad assumere gli oneri e le libertà di un uomo. Ma queste libertà venivano ad un prezzo: i burrneshas facevano anche promessa di celibato per tutta la vita. Oggi queste vergine giurate vivono ancora, ma il loro numero è diminuito. Molti albanesi non sanno nemmeno che esistono. Cosa succede quando la società che ti ha creato non ha più bisogno di te? E come vivi nel frattempo?

Continua a leggere