Enciclopedia Filosofica: Omosessualità (SEP)

Image

 

Fonte: Stanford Encyclopedia of Philosophy – Brent Pickett (University of Wyoming ) 2002, 2011

Il termine ‘omosessualità’ fu coniato nel tardo XIX secolo da uno psicologo tedesco, Karoly Maria Benkert. Anche se il termine è nuovo, discussioni sulla sessualità in generale, e in particolare sull’attrazione per persone dello stesso sesso, hanno provocato discussione filosofiche che vanno dal Simposio di Platone alla teoria queer contemporanea. Dal momento che la storia delle concezioni culturali di attrazione per lo stesso sesso è rilevante per le questioni filosofiche sollevate da tali concezioni, è necessario rivedere brevemente parte della storia sociale dell’omosessualità. Derivante da questa storia, almeno nell’Occidente, è l’idea di diritto naturale o e alcune interpretazioni di esso che considerano proibito il sesso omosessuale. Riferimenti al diritto naturale svolgono ancora un ruolo importante nel dibattito contemporaneo sull’omosessualità in religione, in politica, e persino in aule di tribunale. Infine, forse il cambiamento sociale recente più significativo riguardo l’omosessualità è l’emergere del movimento di liberazione gay in Occidente. Nei circoli filosofici questo movimento è, in parte, rappresentato attraverso un gruppo piuttosto eterogeneo di pensatori che sono raggruppate sotto l’etichetta della teoria queer. Una questione centrale sollevata dalla teoria queer, che sarà discusso più avanti, è se l’omosessualità, e quindi anche eterosessualità e bisessualità, sia socialmente costruita o puramente guidata da forze biologiche.

Continua a leggere

Annunci